IC FALCONE E BORSELLINO

Scuola Primaria (tempo normale) – Offida – Attività e Progetti

 

6 Ottobre 2019 VIVA LA LIBERTA’ – classe 5^A – Scuola Primaria di Offida

La classe 5^A della Scuola Primaria di Offida alla manifestazione “ANPI PER LE SCUOLE- 3 ottobre 1943: dalla memoria storica il presupposto della democrazia”

In occasione del 76mo anniversario della strage nazi-fascista a Colle San Marco, si è svolta la celebrazione dei fatti della Resistenza   dapprima presso il cippo e al Monumento ai Caduti e poi  all’interno del Sacrario per onorare la memoria di quanti  “Sono morti per la libertà di tutti “ come riporta la scritta a fianco della croce e la dedica posta sulla base dell’obelisco:” Medaglia d’oro al valore militare per la resistenza 9 settembre 1943 -20 giugno1944. Duecento settantotto caduti in combattimento o fucilati diedero il segno di quanto valore ed eroismo sappiano esprimere genti tradizionalmente pacifiche quali quelle ascolane per amore della liberta’ e della giustizia a difesa della patria contro la prepotenza e l’oppressione. Oltre alle autorità civili e militari erano presenti  gli studenti di diverse scuole: della classe 5^A della scuola primaria di Offida, dell’I.C. Falcone e Borsellino, degli istituti secondari di primo grado “D’Azeglio” e “Luciani”, del Liceo Scientifico “Orsini” e del Liceo Artistico “Licini” di Ascoli Piceno, che hanno riportato testimonianze e riflessioni su un periodo così significativo della nostra storia. Gli alunni della classe 5^A del nostro Istituto hanno introdotto il loro intervento intonando la canzone “Viva la libertà” di Jovanotti, a cui sono seguite le riflessioni scaturite dal percorso svolto in classe. “Siamo qui oggi, in questo luogo della memoria, insieme ad altri studenti più grandi di noi, perché pensiamo che  sia importante fin da piccoli comprendere il valore della memoria storica, conoscere i fatti del passato non solo per ricordare le tragedie del secolo scorso, ma anche per imparare che da queste tragedie  si può costruire un futuro migliore, basato sui valori della pace, della libertà, della solidarietà e sulla valorizzazione della diversità degli esseri umani, valori da preservare e da trasmettere , oggi più che mai, nella società in cui viviamo, dove le culture dei vari popoli si intrecciano continuamente, a partire dalla scuola e via via nei vari contesti” hanno commentato gli studenti, citando poi i luoghi della memoria presenti nel loro paese, il Monumento ai Caduti in piazza della Libertà, il cippo che ricorda il sacrificio dei fratelli Gabrielli in contrada Lava e il “Giardino dei Giusti”; inserito dall’associazione Gariwo di Milano nella rete nazionale e internazionale dei Giardini dei Giusti è stato inaugurato nel giugno del 2015, per onorare le  famiglie offidane Talamonti Adelino e Talamonti Camillo, insignite di medaglia e di un certificato d’onore dall’Istituto per la memoria della Shoah di Gerusalemme e le famiglie Piersimoni Antonio e Ciabattoni, tutte  onorate con medaglia e attestazione da parte dell’Amministrazione Comunale di Offida “Per l’altruismo e la generosità mostrati, nell’aver salvato vite umane e per essersi opposti con responsabilità individuale ai crimini contro l’umanità”. In questo luogo dove un’edicola e un ulivo piantato ci ricordano i Giusti del passato, in occasione della giornata dei Giusti, istituita nel 2012 dal Parlamento Europeo , su proposta dell’associazione Gariwo di Milano e nel 2017 come solennità civile anche dal Parlamento Italiano , ogni anno onoriamo anche i Giusti di oggi, riportando le nostre riflessioni scaturite all’interno delle classi e del Consiglio Comunale dei Ragazzi, perché, citando un grande difensore dei diritti civili, Martin Luther King, abbiamo imparato a volare nell’aria come uccelli, a nuotare nei mari come pesci, ma non abbiamo ancora imparato a camminare sulla terra come fratello e sorella. Conoscere la storia di donne e uomini che si sono battuti e si battono in difesa della dignità, anche a rischio della propria vita ci aiuta a capire che ogni persona nel suo piccolo può fare la differenza e interrompere la catena del male di cui è testimone; ogni azione fatta per il bene dell’altro è sì una piccola goccia, come diceva Madre Teresa, ma l’oceano non è che insieme di tante piccole gocce, ci insegna a far fronte in maniera positiva alle difficoltà, a essere individui resilienti, cioè forti e capaci di quel senso di responsabilità che ci fa essere persone e cittadini . E ritrovandoci tutti insieme, associazioni, comuni, scuola, perché si sa l’unione fa la forza, possiamo diventare “ I guardiani dell’umanità”.

21 Luglio 2019 A ZONZO PER OFFIDA…LE MINIGUIDE RACCONTANO

 

Lodevole iniziativa di promozione turistica quella svolta dagli alunni della Scuola di Offida, dell’I.C. Falcone e Borsellino, nella giornata di venerdì 23 giugno 2019, durante la manifestazione “A zonzo per Offida…le miniguide raccontano”.

L’evento ormai giunto alla sua VIII edizione, organizzato in collaborazione con l’amministrazione locale e l’associazione Oikos, ha visto impegnati gli studenti delle classi quinte della scuola primaria e delle classi prime e seconde della scuola secondaria di I grado a conclusione di un percorso di ricerca e studio accurati sui siti di rilevante interesse storico-artistico del loro paese, che in questa annualità è stato inserito nel progetto Europeo di potenziamento dell’educazione al patrimonio culturale, artistico e paesaggistico “Offida con gli occhi e con le mani dei bambini”, di cui la  scuola di Offida è risultata vincitrice. I piccoli Ciceroni hanno guidato i visitatori in un vero e proprio tour al fine di far conoscere le bellezze della propria cittadina, a partire dal monumento alle Merlettaie, dello scultore offidano Aldo Sergiacomi, situato vicino alla rocca e alle mura cittadine e via via verso l’ex chiostro di San Francesco, oggi sede dell’Enoteca Regionale e la via delle Merlettaie, per ricordare l’antica tradizione del merletto a tombolo, fino ad arrivare in piazza del Popolo, con le sue chiese, il palazzo comunale e il teatro, la chiesa della Collegiata che conserva le reliquie del Miracolo della Croce Santa, qui trasferite dal Santuario di S. Agostino, attualmente inagibile; lungo il percorso la visita al Museo dello scultore Aldo Sergiacomi, al chiostro dell’ex convento di S. Agostino, dove è stata allestita una mostra dei lavori prodotti nel progetto” Per un’educazione al paesaggio” e alla Chiesa di Santa Maria della Rocca, con annesso “Il Giardino dei Giusti”. I protagonisti dell’iniziativa hanno saputo ben valorizzare il territorio di appartenenza, dando informazioni dettagliate sui vari monumenti cittadini, anche in inglese, i turisti in visita hanno premiato con numerosi apprezzamenti la passione e l’ entusiasmo dimostrati dai ragazzi che hanno anche presentato la guida turistica ”Offida con gli occhi e le mani dei bambini” realizzata dagli alunni delle classi quinte nell’anno scolastico 2016-2017.

Pienamente soddisfatti gli insegnanti coordinatori e il Dirigente Scolastico “Attraverso il progetto delle miniguide, fiore all’occhiello della scuola di Offida , la scuola attua un importante azione di sensibilizzazione ad amare il proprio territorio, suscitando il desiderio di scoprirlo, conoscerlo, valorizzarlo e favorisce l’acquisizione di competenze comunicative spendibili anche a livello lavorativo nel futuro delle giovanissime guide turistiche.

 

     Alla scoperta delle bellezze del nostro paese

 

    Reportage fotografico

 

     Lavoro in classe

 

     Lavoro al computer per la locandina della manifestazione

 

         Manifestazione a zonzo per Offida – Come veri Ciceroni 23-6-19